L' informazione su sordità e apparecchi acustici
quanto-costano-gli-apparecchi-acustici

Quanto costano gli apparecchi acustici?

In commercio esistono diversi tipi di apparecchi acustici, da quelli più economici a quelli più evoluti, con prezzi differenti. Ma cosa determina il prezzo di un apparecchio acustico e quale scegliere?

Innanzitutto, va fatta una distinzione fondamentale tra apparecchio acustico e amplificatore acustico.

Cos’è un amplificatore acustico?

L’amplificatore, spesso definito anch’esso erroneamente apparecchio acustico, è un dispositivo estremamente semplice che aumenta esclusivamente il volume di tutti i suoni che arrivano all’orecchio senza alcuna selezione o elaborazione. Ciò significa che tutti i suoni del mondo circostante attraversano l’amplificatore acustico e vengono dilatati, compresi i rumori fastidiosi come il suono di un’ambulanza o il traffico urbano, con conseguente rischio di indurre danni uditivi da rumore se utilizzati non correttamente e per troppo tempo.

Questi dispositivi non necessitano di prescrizione medica o di visita audiologica per essere acquistati e possono essere venduti online o in farmacia. Non sono considerati dei dispositivi medici e hanno un costo molto limitato che spesso non supera i 100 euro.

Vantaggi: il costo limitato, la facile reperibilità.
Svantaggi: impossibilità di regolare il volume di amplificazione e di gestire impostazione personalizzate. Tutti i suoni vengono amplificati in egual misura, compresi i rumori fastidiosi, con il rischio di indurre danni uditivi.

Gli apparecchi acustici

Gli apparecchi acustici sono, invece, dei dispositivi estremamente sofisticati che si adattano allo stile di vita di chi li indossa. Si tratta di veri e propri computer in miniatura, costituiti da un microfono che trasforma l’onda sonora in segnale elettrico, da un amplificatore che amplifica il segnale elettrico, e da un ricevitore (trasduttore di uscita) che trasforma il segnale elettrico amplificato in segnale acustico.

Il principale vantaggio risiede nella possibilità di personalizzare i volumi dei differenti suoni, amplificando solo i suoni che si ha difficoltà a percepire ed attenuando, ad esempio, i rumori di sottofondo in ambienti rumorosi. Per questo motivo hanno dei costi maggiori rispetto al semplice amplificatore acustico.

I tipi di apparecchi acustici

Il costo di un apparecchio acustico dipende anche dalla tipologia.  

Gli apparecchi acustici si possono suddividere principalmente in:

  • protesi retroauricolari o BTE (behind the ear);
  • protesi endoauricolari o ITE (in the ear);
  • protesi endocanalari o ITC (in the canal);
  • protesi peritimpaniche o CIC (completely in the canal);
  • altri tipi, tra cui CROS e BICROS, protesi esterne per via ossea, BAHA.
Apparecchi acustici retroauricolari
Apparecchi acustici endoauricolari

Anche le modalità di ricarica influiscono sul costo di un apparecchio acustico. In commercio esistono apparecchi acustici dotati di pile che vanno sostituite ogni 3/4 giorni, perciò va considerato anche questo costo che si aggira intorno ai 10 euro al mese, o apparecchi che si ricaricano tramite caricabatteria proprio come un cellulare.

Non ultima, la tecnologia inserita nell’apparecchio acustico influisce significativamente sul prezzo. È sbagliato pensare che un apparecchio acustico amplifichi semplicemente i suoni. In realtà, quelli più evoluti sono dotati di funzioni molto avanzate come la possibilità di personalizzare i livelli di ascolto, la possibilità di regolare l’apparecchio da remoto, il collegamento a dispositivi come telefono o televisione, le modalità di ascolto della musica, oltre alla possibilità di gestire il proprio apparecchio tramite app da smartphone.

Gli apparecchi acustici non sono, pertanto, semplici amplificatori preimpostati e universali, bensì richiedono un’attenta personalizzazione e un periodico controllo da parte dello specialista, al fine di garantire una regolazione adeguata alle esigenze individuali e alle diverse tipologie di ipoacusia. Tutti questi fattori determinano il valore del dispositivo.

Come scegliere un apparecchio acustico

La scelta di un apparecchio acustico non può essere fatta in autonomia, ma è necessario sempre rivolgersi a uno specialista, effettuare un test audiometrico per verificare la propria perdita uditiva e lasciarsi consigliare sul tipo di apparecchio acustico adatto in relazione all’età e allo stile di vita.

I principali produttori di apparecchi acustici sono ReSound, Oticon, Phonak, Starkey che propongono soluzioni adatte alle diverse esigenze.



  Redazione

  La redazione di sordita.it è composta da redattori, dottori che ogni giorno si confrontano con i problemi della sordità, costantemente aggiornati sulle novità dei prodotti e della ricerca.



TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

© 2019 Sordità.it - L'informazione sulla sordità e problemi di udito
gestito da Del Bo Tecnologia per l’ascolto | P.IVA 01189420050 | Powered by 3bit