suoni che fanno male

Impara a distinguere i suoni buoni da quelli cattivi

Ti è mai capitato di leggere che i rumori forti siano dannosi per l’orecchio e che è meglio limitare l’esposizione prolungata a suoni ad alto volume per salvaguardare il tuo udito? Ma quali sono i rumori forti? Come riconoscere un suono pericoloso? Eccoti qualche risposta.

Come si misurano i suoni

L’intensità dei suoni si misura in decibel, abbreviato in dB. La scala parte da 0 dB che rappresenta il silenzio, inascoltabile in natura, ma che è possibile riprodurre solo artificialmente in ambienti come le camere silenti. Per l’orecchio umano la scala termina intorno ai 150 dB, valori che rappresentano rumori assordanti come quelli di un aereo a reazione e altamente dannosi per l’udito.

La scala dei decibel è di tipo logaritmico, vale a dire che i valori aumentano in maniera molto rapida. Più precisamente se 0 dB è la minima unità di misura, un suono 10 volte più potente misura 10 dB, un suono 100 volte più potente misura 20 dB e uno 1.000 volte più potente è di 30 dB, e così via. Si capisce come si arriva facilmente a suoni di intensità molto elevate.

Ma qual è il valore massimo di rumore mai ascoltato? Si tratta dell’eruzione del vulcano Krakatoa, in Indonesia  che nel 1883 produsse un’esplosione ascoltata fino a quasi 5000 km di distanza! Come se un suono prodotto a Roma, potesse essere ascoltato fino nel centro dell’Africa. Il livello di rumore è stato stimato in 172 dB, a 160 km di distanza!

Conosciamo i livelli dei suoni più comuni

Tutte le nostre attività quotidiane producono un rumore che va dal più impercettibile come la caduta di una foglia fino ai più fastidiosi e dannosi.

Imparare a conoscerli e a orientarsi è importante anche per poter leggere le etichette di vari elettrodomestici (come ad esempio l’aspirapolvere) e valutare il rumore prodotto.

  • 10 dB: Respirazione normale
  • 20 dB: Parole sussurrate ascoltate da un metro e mezzo di distanza
  • 30 dB: Parole sussurrate ascoltate da vicino
  • 40 dB: livello sonoro in locale  silenzioso
  • 50 dB: Brusio di un frigorifero
  • 60 dB: Conversazioni a volume normale
  • 70 dB: Lavatrice
  • 80 dB: Sveglia

! Valore limite. L’esposizione prolungata a rumori superiori a 90 db può causare problemi all’udito !

  • 90 dB: Metropolitana
  • 100 dB: Concerto rock
  • 110 dB: Clacson
  • 120 dB: Sirena dell’ambulanza

! Soglia di allarme: i suoni superiori a 140 dB causano danni permanenti anche se ascoltati per pochi secondi !

  • 150 dB: Aereo a reazione/Esplosione

La scala cresce rapidamente e i rumori possono raggiungere velocemente intensità molto elevate. La maggior parte delle persone non si espone per periodi prolungati a rumori forti, oltre i 90 dB. Il tragitto giornaliero in metropolitana o in treno ha una durata limitata tale da non causare traumi. Diverso è il discorso per chi è costretto per lavoro a soggiornare in ambienti rumorosi per 8 ore. In questo caso è bene indossare delle protezioni acustiche per salvaguardare il proprio udito.

E attenzione anche alla musica ascoltata con le cuffiette! Ma ormai tutti i più moderni dispositivi ci avvertono che stiamo superando soglie di rumore pericolose.

VUOI RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI?

Iscriviti alla nostra newsletter. Ogni mese news su sordità e apparecchi acustici. E niente spam!

Per consentirci di inviarti le nostre newletter mensili, per favore seleziona il box sottostante.


Redazione

La redazione di sordita.it è composta da redattori, dottori che ogni giorno si confrontano con i problemi della sordità, costantemente aggiornati sulle novità dei prodotti e della ricerca.

Lascia un commento

© Sordità.it - L'informazione sulla sordità e problemi di udito
gestito da Del Bo Tecnologia per l’ascolto | P.IVA 01189420050 | Powered by 3Bit