La prima Barbie con apparecchi acustici mira a promuovere la diversità e l’inclusione

La Barbie non è più ormai la tipica donna bianca, magra e bionda, ma ci sono decine di repliche che includono bambole con diverse tonalità di pelle, diverse fisicità e persino Barbie con disabilità.

La Mattel presenta a giugno una nuova serie di bambole che comprende la prima Barbie con apparecchi acustici retroauricolari, una Barbie con una protesi alla gamba e un Ken con vitiligine la malattia della pelle caratterizzata da chiazze di diverso colore.

La nuova serie fa parte dei continui impegni dell’azienda per introdurre una sempre maggiore diversità nei suoi giocattoli e favorire l’inclusione delle categorie più svantaggiate. Questa è anche la prima volta che Mattel si cimenta nella produzione di Barbie diverse, riflettendo la crescente richiesta di affrontare il fenomeno della disabilità.

“Quando una bambola popolare, un’icona, come Barbie, indossa apparecchi acustici rosa acceso, non solo dà ai bambini l’opportunità di vedere qualcuno come loro, ma dà anche un messaggio agli adulti “, ha detto Barbara Kelley, direttore esecutivo della Hearing Loss Association of America. “È un grande passo per tante ragioni”.

Kelley ha sottolineato che la perdita dell’udito è un problema di salute molto più grave di quanto venga riportato, poiché molte persone affette da ipoacusia non ricevono diagnosi e trattamenti. Secondo il National Institutes of Health (NIH), circa il 15% degli adulti americani, pari a circa 37,5 milioni, ha problemi di udito. Il fatto che un’azienda come la Mattel sensibilizzi sul problema attraverso una Barbie fa luce su quella che, secondo Kelley, è una “disabilità invisibile”.

“Quando parliamo di diversità e inclusione, pensiamo a persone di culture e razze diverse”, ha detto Kelley. “Ma dobbiamo ricordare le persone con disabilità, che spesso sono sottoccupate. Nel caso della perdita dell’udito, ad esempio, a volte le persone lavorano e non rivelano di averla a causa dell’imbarazzo o dello stigma”.

L’azienda ha collaborato con la dottoressa Jen Richardson, attiva nel diffondere maggiore consapevolezza sulla perdita uditiva e audiologa dell’età evolutiva, per assicurarsi che la rappresentazione della bambola fosse reale e accurata.

“Sono onorata di aver lavorato con Barbie per creare un’immagine reale di una bambola con apparecchi acustici retroauricolari”, ha dichiarato Jen Richardson in un comunicato. “Sono entusiasta che i miei piccoli pazienti possano vedere e giocare con una bambola che assomiglia a loro”.

La ricerca di una collaborazione con un medico esperto di ipoacusia e con la comunità dei pazienti è fondamentale per iniziative come questa, ha sottolineato Kelley.

“C’è una percezione errata da parte delle persone anziane che non vogliono acquistare apparecchi acustici perché pensano agli apparecchi acustici di ieri, che erano grandi e ingombranti”, ha detto Kelley. “Credo sia importante che Mattel abbia contattato la comunità degli audiolesi per assicurarsi che il design sia il più accurato e autentico possibile”.

“Le aziende che non sono nel mondo degli apparecchi acustici dovrebbero prendere esempio”, ha continuato Kelley. “In questo modo, se hanno un dipendente con problemi di udito, non lo stigmatizzano. È qualcosa di normale: questa persone hanno le stesse capacità e la stessa etica lavorativa, hanno solo una perdita uditiva. Penso che questo sia un grande passo nella giusta direzione”.

Nel 2020, Mattel ha lanciato Barbie Fashionistas con l’obiettivo di espandere la collezione per includere sempre più bambole con caratteristiche differenti. La linea Fashionistas mira a “promuovere la diversità con bambole fashion che incoraggiano la narrazione del mondo reale e permettano di sognare”, scrive l’azienda.

VUOI RICEVERE I NOSTRI AGGIORNAMENTI?

Iscriviti alla nostra newsletter. Ogni mese news su sordità e apparecchi acustici. E niente spam!

Per consentirci di inviarti le nostre newletter mensili, per favore seleziona il box sottostante.


Redazione

La redazione di sordita.it è composta da redattori, dottori che ogni giorno si confrontano con i problemi della sordità, costantemente aggiornati sulle novità dei prodotti e della ricerca.

Lascia un commento

© Sordità.it - L'informazione sulla sordità e problemi di udito
gestito da Del Bo Tecnologia per l’ascolto | P.IVA 01189420050 | Powered by 3Bit